JJ-Sound

Tablet-Version
SmartVersion © Copyright 2017
Vai ai contenuti

Menu principale:

Nel 1990 avviene un’esplosione della musica da discoteca definita House.
Nata nelle discoteche di Chicago verso la metà degli anni ottanta, essa può essere intesa come una naturale continuazione, o meglio evoluzione, della Disco Music anni ’70.
Nello stesso periodo iniziano a contrapporsi altri generi, basati sempre sulla musica House. Nello specifico, si tratta di generi quali: la Techno, molto velocizzata di bpm; l’Underground, con ritmi tribali e musiche funky e soul e molti altri, basti pensare alla musica Dance o “Commerciale” (così definita in Italia).
Come naturale effetto rispetto alla diffusione di questi generi, nascono anche diversi locali notturni, che si differenziano in base al genere musicale proposto e, di conseguenza, anche al tipo di clientela.
Proprio questo periodo (della Dance che va dal 90 al 95 e si estende fino al 99) mi vede protagonista in prima persona; una fase che, a mio avviso, scrive un pezzo di storia della musica contemporanea, di cui diviene protagonista.
I primi progetti musicali che entrano nella storia tra cui molti “made in Italy” sono:

1990: Twenty 4 Seven con la mitica I can’t stand it, Black Box, F.P.I. Projects, Double Dee, C&C Music Factory, Technotronic, Dr. Alban, Stefano Secchi, 49ers…
1991: Crystal Waters con il “tormentone” Gipsy woman, Afrika Bambataa, Rozalla, 2 Unlimited, Joy Salinas, Molella …
1992: Snap con la super Rhythm is a dancer, Double You, Ramirez, Fargetta, Co.Ro. feat. Taleesa, Dr. Alban, Rozalla, Clivillés & Cole, Right Said Fred…
1993: Haddaway con il grande successo What is love, Datura, Capitan Hollywood, Mato Grosso, Nikita, Ace of Base, Culture Beat, 2 unlimited, U.S.U.R.A., Fpi Project, Bliss Team, Molella, Cappella, Aladino, Fargetta…
1994: Corona con la epica The rhythm of the night, Reel 2 Real, La Bouche, Cappella e Anticappella, Ice MC, Jinny, Paraje, Playahitty, Silvia Koleman, Einstein Dr.Dj, Molella…
1995: Netzwerk con l’intramontabile Passion, Indiana, Playahitty, Outhere Brothers, Tipical, Jt Company, Da Blitz, Digital boy, Alex Party…
1996: Robert Miles con l’indiscusso pezzo di fama mondiale Children, Gala, Sandy B, Livin Joy, Tori Amos…
1997: Paradisio con l’esplosiva Bailando, Blackwood, Simone Jay, Chase, Daft Punk, Ultranatè, The Heartists…
1998: Gigi D’agostino che inizia la scalata dei vari successi mondiali con Elisir, Gala, Vengaboys, Neja, Dj Dado, The Tamperer feat. Maya…
1999: Cher che si rilancia nei primi posti delle classifiche con Believe, Prezioso feat. Marvin, Eiffel 65, Nina, Kim Lucas, Gigi D’Agostino…

Nel corso di questi anni nascono anche varie compilations mixate dai migliori djs e sponsorizzate dalle radio e dai locali piu’ importanti sia italiani che esteri.
Di seguito quelle piu’ importanti in ordine casuale:
Deejay Parade, Night Rhythms, Energia, Hits on Five, Dance Party, One Nation One Station, Dance Revolution, Martini Dance, Le Voyage, Insonnia, Propio Compilation, Manikomio, Alba, Cattiveria, 105 For You, Acid Party, Dance Mania, Dance Pool Time, Danceteria, Disco Magic, Disco Parade, Discomania Mix, Hitmania Dance, Los 40, DMM, Crazy Time… (le ultime due potevano essere acquistate solo in edicola o tramite abbonamento postale)

Entra nella storia della musica dance 90 anche un programma radiofonico trasmesso da Radio Deejay dal titolo “DeeJay Time
Per l’esattezza, c’è da dire che questo programma nasce a metà degli anni 80 ed è condotto da Albertino, Jovanotti e Marco Biondi; tuttavia, nel 1991, viene trasformato in un vero e proprio programma di musica da discoteca. Da questa evoluzione nasce lo storico poker di deejays italiani, capitanati da Albertino vocalist, insieme a Molella, Fargetta e Prezioso in console nonchè ai mitici piatti Technics ed a qualche altro strumento (come il campionatore Roland DJ70).
Grazie a questa indiscussa ascesa, in poco tempo arrivano a trasmettere dall’Aquafan di Riccione e ad essere ospiti di varie trasmissioni televisive, incrementando le serate in tutte le discoteche più famose d’Italia e non solo. A testimonianza del loro successo, basti pensare che ancora oggi continuano a riproporre lo spettacolo DeeJay time Reunion con lo stesso successo di sempre.

Meritano di essere citate anche alcune serate di grande successo, come We Love The 90s dei DATURA, Ciro Pagano e Stefano Mazzavillani, che dal 1991 diventano protagonisti assoluti della storia della Dance targata “made in Italy.”
 

Recensione di Gianluca Raschella' Jesolo Marzo 2017©

© Copyright 2017 JJ-Studio All rights reserved.

Torna ai contenuti | Torna al menu